Bonus ristrutturazione alberghi 2021: tutte le agevolazioni

Per la riqualificazione e il miglioramento delle strutture ricettive turistico-alberghiere è previsto un bonus ristrutturazione alberghi. Le agevolazioni sono in vigore per tutto il 2021 e sono state estese anche per il 2022. L’obiettivo del bonus è agevolare le ristrutturazioni delle strutture alberghiere e incrementarne l’efficienza energetica.

Il bonus si riferisce ad un credito d’imposta per la riqualificazione e il miglioramento delle strutture turistico/ricettive. Le misure fanno parte di un piano pluriennale, sfruttando i fondi messi a disposizione nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR).

Cos’è il bonus ristrutturazione alberghi 2021

Il bonus ristrutturazione fa riferimento ad un’agevolazione inclusa nell’articolo 10 del Dl 83/2014. Quest’ultima prevedeva un rimborso, tramite credito d’imposta del 30% delle spese sostenute per la ristrutturazione e riqualificazione di alberghi e strutture ricettive fino ad un importo massimo di 200.000 euro. Attualmente è riconosciuto un credito pari al 65% delle spese sostenute per gli interventi ammessi e per un importo massimo ottenibile pari a 200.000 euro. Inoltre, il credito d’imposta può essere fruito in due quote annuali.

Le strutture ricettive che sono aperte al pubblico dal 1° gennaio 2012, possono richiedere il credito. Inoltre la struttura deve essere a gestione unitaria, con servizi tra cui: alloggio, eventualmente vitto ed altri servizi accessori, in camere ubicate in uno o più edifici.

Tali strutture devono essere composte da almeno sette camere per il pernottamento degli ospiti. Anche se, recenti modifiche hanno ampliato la platea dei beneficiari alle strutture ricettive con spazi all’aria aperta, come gli agriturismi.

Quali interventi beneficiano del bonus?

Gli interventi previsti per il bonus ristrutturazione alberghi 2021 riguardano varie tipologie di spese come la sostituzione degli impianti di riscaldamento e condizionamento o l’arredamento. Infatti, tra i maggiori utilizzi del bonus troviamo quello riguardo l’efficientamento energetico. Ma vediamo nello specifico gli interventi previsti:

  • interventi volti alla ristrutturazione edilizia;
  • interventi per incrementare l’efficienza energetica;
  • interventi di manutenzione straordinaria;
  • interventi per l’eliminazione di barriere architettoniche;
  • acquisto di mobili e componenti d’arredo;
  • interventi per l’adozione di misure antisismiche;
  • interventi di restauro e risanamento conservativo.

Pompe di calore e sistemi ibridi

Una tecnologia adatta al settore dell’hospitality e che incrementa l’efficienza energetica della struttura, riducendo le spese, assicurando il comfort e salvaguardando l’ambiente, sono le pompe di calore adatte per il riscaldamento invernale, il raffrescamento estivo e la produzione di acqua calda sanitaria.

Le pompe di calore danno diritto ad accedere alle detrazioni per gli interventi di riqualificazione. Nell’ottica di interventi per migliorare l’efficientamento di strutture ricettive ed alberghi, rivolgiti ai tecnici Procom. Vi forniremo consulenza sugli impianti a pompa di calore e sistemi ibridi Daikin più adatti ad un hotel, sulla base delle necessità globali della committenza, e tutto il supporto tecnico necessario, occupandoci anche del disbrigo delle pratiche burocratiche per ottenere le agevolazioni in questione.



Lascia un commento