Sostituzione della caldaia: i 6 motivi per farlo

Caldaia rotta o vecchia? Forse è giunto il momento di sostituirla. Infatti, la sostituzione della caldaia è un intervento che ha numerosi vantaggi. D’altronde le caldaie di vecchia generazione sono ormai obsolete e ripararle potrebbe essere difficile, soprattutto perché i pezzi di ricambio non sono più in commercio.

Inoltre, in linea con tutti gli interventi che mirano all’efficientamento energetico, optare per caldaie a basso impatto ambientale o sistemi alimentati da energia rinnovabile è la soluzione più green. Non solo, la sostituzione della caldaia permette di rendere la casa più calda e confortevole, oltre al risparmio considerevole sulle bollette energetiche.

Scopriamo nel dettaglio, 6 motivi validi per cui conviene sostituire la vecchia caldaia e rendere più efficiente il sistema di riscaldamento, adoperando anche delle alternative provenienti da energia rinnovabile.

  1. Miglioramento classe energetica di casa

Con la sostituzione della caldaia vecchia con una di nuova generazione, è possibile aumentare la classe energetica di casa. Attualmente questo intervento è soggetto a numerosi incentivi fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici, al fine di ridurre le emissioni di gas nocivi all’interno dell’ambiente. Inoltre, un edificio molto datato potrebbe avere impianti obsoleti che, in caso si decida di mettere in vendita l’immobile, svaluterebbero il suo valore.

Per questi motivi, la sostituzione della caldaia, oltre che migliorare la classe energetica, rende la casa più efficiente. Anche grazie a nuovi sistemi di controllo domotizzati, è possibile controllare la temperatura interna della casa, garantendo un comfort interno permanente.

  1. Risparmio sui costi dell’energia

Le caldaie datate sfruttano un consumo maggiore di energia per alimentare l’impianto di riscaldamento, talvolta, neanche dando il giusto tepore nell’ambiente. Questo implica un consumo elevato di elevato di energia e, a sua volta, un aumento dei costi in bolletta.

Per ovviare a queste problematiche, attualmente esistono delle caldaie, come quelle a condensazione, che permettono di ottimizzare i consumi abbattendo i costi dell’energia. Le caldaie di nuova generazione producono calore sfruttando una quantità minima di elettricità e gas. In questo modo la casa sarà calda e accogliente, con un risparmio notevole sulla bolletta.

  1. Aumentare l’efficienza del riscaldamento

La sostituzione della caldaia è vantaggiosa anche per avere un funzionamento migliore del riscaldamento all’interno dell’ambiente domestico. Talvolta, infatti, una vecchia caldaia può metterci il doppio del tempo a riscaldare l’ambiente e raggiungere la temperatura desiderata.

I sistemi moderni a pompa di calore o le caldaie a condensazione, consentono una propagazione più immediata del calore, raggiungendo il comfort climatico interno in un breve lasso di tempo. Questo meccanismo, può essere ulteriormente ottimizzato grazie alla combinazione con sistemi domotizzati. Grazie a questi nuovi meccanismi si può programmare l’accensione e tornare a casa avendo la casa già riscaldata.

  1. Evitare malfunzionamenti o blocchi improvvisi

Le caldaie ogni hanno bisogno di essere revisionate. Ma una caldaia con 5 o 10 anni di età, anche se ancora funzionante, potrebbe comportare blocchi improvvisi a causa della pressione termica o dovuti al fatto che la struttura sia vecchia. Per evitare di rimanere sprovvisti del riscaldamento, soprattutto nei mesi invernali, è bene premunirsi sostituendo una caldaia vecchia prima dei mesi più freddi.

Grazie alle caldaie di nuova generazione, infatti, questi episodi saranno solo un brutto ricordo. Ovviamente per sostituire la caldaia vanno effettuate tutte le valutazioni necessarie al fine di scegliere quella giusta in base alle singole esigenze.

  1. Una sicurezza maggiore in casa

Decidere di sostituire la vecchia caldaia a gas con un impianto a pompa di calore o una caldaia a condensazione è una scelta saggia anche per evitare sgradevoli ma, soprattutto, pericolosi incidenti domestici. Abolire il gas, sfruttando dei sistemi di riscaldamento che sfruttano le energie rinnovabili, come le pompe di calore, è un ottimo modo per prevenire improvvise fughe di gas e risparmiare sulla bolletta.

  1. Sfruttare fonti di energia rinnovabili

La sostituzione della caldaia a vantaggio di sistemi che utilizzano fonti di energia rinnovabile è una scelta saggia non solo per il risparmio energetico ma anche per arginare l’impatto ambientale di sistemi vecchi e inquinanti. Esempi concreti sono rappresentati sicuramente dalle pompe di calore: degli impianti che sfruttano, a seconda del funzionamento, l’energia di acqua, sole o aria. Fonti di energia inesauribili e che dimezzano le emissioni di CO2 nell’ambiente.

Oggi, per installare un impianto a pompa di calore sono previsti numerosi incentivi e detrazioni fiscali, come l’Ecobonus 65% con sconto immediato in fattura. Per saperne di più in merito all’installazione, nell’ottica della prossima stagione invernale, non esitate a contattare Procom, leader nella progettazione, installazione e manutenzione di impianti a pompe di calore efficienti e dotate delle più moderne tecnologie sul mercato.



Lascia un commento